particolare di Obelisco, Carlini

MILAN DESIGN WEEK 2016. Un obelisco contemporaneo all’ingresso del Super Design Show

MILAN DESIGN WEEK 2016. L’obelisco contemporaneo di Maria Cristina Carlini all’ingresso del Super Design Show

Design Week 2016:  La scultura monumentale di Maria Cristina Carlini al Superstudio Più per il SuperDesign Show.

E’ giunta in redazione la notizia di un evento speciale che interesserà via Tortona, forse la zona più densa di eventi Fuorisalone a Milano. In quel contesto il SuperDesign Show di Superstudio Più avrà un ospite d’onore ad accogliere i visitatori, l’opera di Maria Cristina Carlini, per la prima volta esposta al pubblico dal 12 al 17 aprile.

Obelisco visto da vicino, foto di Mimmo Capurso

Obelisco visto da vicino, foto di Mimmo Capurso

 

L’Obelisco è stato realizzato alla fine dello scorso anno ed è impossibile non notarlo fin dall’ingresso, con il potente slancio verticale di oltre quattro metri, come se dalla terra lambisse il cielo. Una scultura monumentale che darà veste scenografica all’evento creativo più celebre e popolare dell’anno come la Design Week al 27 di via Tortona.

SuperdesignShow logo

SuperdesignShow logo

 

Si compone di un involucro in acciaio corten a proteggere l’anima in legno di recupero forato in alcuni punti: questi elementi testimoniano la ricerca accurata dei e sui materiali di tutto il percorso artistico della scultrice. Qui il legno è stato scelto in rappresentanza di un’idea del passato, materiale principe di manufatti antichissimi reperibile da sempre in natura senza grandi lavorazioni per renderlo utilizzabile, mentre l’acciaio corten si inserisce nel tempo presente proprio in virtù della necessità di una tecnologia che lo renda adattabile ad esigenze industriali o costruttive, e nella sua recente rivalutazione estetica oltre che igienica.

Obelisco di Maria Cristina Carlini presto visibile al Superstudio di via Tortona, foto di Mimmo Capurso

Obelisco di Maria Cristina Carlini presto visibile al Superstudio di via Tortona, foto di Mimmo Capurso

Questi materiali di differente sostanza e apparenza sono accostati per simboleggiare l’unione tra culture diverse, mostrando la possibilità di una convivenza pacifica e necessaria alla bellezza del mondo. Infatti i fori nelle imponenti travi richiamano il ricamo che solo le diverse componenti culturalidel mondo possono tessere, essi creano una trama,una rete in cui ognuna è coinvolta come elemento unico e insostituibile.

Ci si potrà avvicinare alla solida base, con la sua forma esagonale ancora la scultura al terreno ed evidenzia la tensione verso l’alto, come un albero dalle radici sicure che cresce con i suoi rami per diventare sempre più grande in futuro. Ha un valore quindi propiziatorio e fiducioso di un’evoluzione positiva della società.

Particolare dei materiali di Obelisco, foto di Mimmo Capurso

Particolare dei materiali di Obelisco, foto di Mimmo Capurso

 

Obelisco rappresenta inoltre i due aspetti principali del fare arte di Maria Cristina Carlini: lo stile essenziale e l’idea del movimento nelle forme in armonico equilibrio, e l’ispirazione sia artistica che morale alla Natura, fonte inesauribile di modelli.

Dalla Natura dipende infatti l’equilibrio della vita sul nostro pianeta, e dal nostro comportamento dipende la sua sopravvivenza. Nelle opere dell’artista irimandi agli elementi naturali sono numerosi, ed essi dialogano tra loro, all’interno di uno stesso lavoro, e con l’ambiente espositivo che li accoglie.

Lo slancio verticale di Obelisco, artista Maria Carlini, foto Mimmo Capurso

Lo slancio verticale di Obelisco, artista Maria Carlini, foto Mimmo Capurso

 

Per Obelisco esempio morale è infatti l’albero, nel suo crescere se adattato al terreno circostante ed ad esso fa riferimento la struttura verticale della scultura.

L’attività della scultrice inizia a Palo Alto in California dove inizia a lavorare il grès, per poi allargare la pratica artistica a diversi materiali come il ferro, l’acciaio corten, il legno e la resina.

A parte le mostre personali e collettive in diverse sedi pubbliche e private, nazionali e internazionali, le sue sculture monumentali si trovano in collezioni permanenti in Europa, America e Asia. Tra le più recenti citiamo La nuova città che sale per Expo 2015 presentata da Philippe Daverio.

Maria Cristina Carlini, opera monumentale La città che sale, per Expo2015

Maria Cristina Carlini, opera monumentale La città che sale, per Expo2015

 

In Italia abbiamo avuto numerose pubblicazioni sull’artista, per cui ricordiamo lecase editrici Mudima e Skira, e influenti critici hanno scritto di lei: Luciano Caramel, Claudio Cerritelli, Martina Corgnati, Gillo Dorfles, Carlo Franza, Flaminio Gualdoni, Yakouba Konaté, Elena Pontiggia.

Michela Ongaretti

L'eleganza della tradizione artigiana in Abisso- Atelier12

Atelier12, un nuovo brand per l’arredobagno di Francesco Meneghello e Davide Lanfranco

Atelier12, un nuovo brand per l’arredobagno di Francesco Meneghello e Davide Lanfranco

Aspettando il Salone del Mobile e i Fuorisalone 2016, alla ricerca di novità e giovani talenti non possiamo non notare il nuovo brand Atelier12, che dal 2013 ha come direttori creativi e designers Francesco Meneghello e Davide Lanfranco. Entra a pieno titolo tra le eccellenze del design del nordest, Vicenza, con la prima collezione per l’arredo bagno dall’ipnotico nome, Abisso, presentata ufficialmente al pubblico in occasione del Fuorisalone 2015 nelTortona District.

Collezione Abisso- Atelier12- vista dall'alto

Collezione Abisso- Atelier12- vista dall’alto

 

Attendiamo di rivedere i creativi nella prossima edizione, visto che il loro design è senza dubbio giovane, classe ’90 per Meneghello e ’91 per Lanfranco, e sono certo talentuosi nel far incontrare la funzionalità al lusso.

Affascina l’accostamento di materiali eterogenei come Acciaio Inox, Cristalplant Biobased® e una selezione ricercata di essenze di legno. Il carattere di Abisso è versatile, perché si adatta a contesti molto differenti, elegante per le linearità e la raffinatezza di materiali e dettagli, anticonformista rispetto alla tendenza dei modelli presenti sul mercato.

Una versione della collezione Abisso- Atelier12

Una versione della collezione Abisso- Atelier12


La collezione
Abisso gioca inoltre con la ruvidità delle superfici e delle finiture opache, e con la relazione tra le forme pure del cerchio e del quadrato come identità complementari che alludono al maschile e al femminile, alla dimensione spirituale e terrena.I designer intendono esaltare l’interazione sensoriale tra i materiali e tra l’uomo e i materiali utilizzati, che genera un senso di benessere attraverso l’aspetto cromatico e tattile, come un ritorno alle origini dell’uomo e della Natura. Per il duo arredare il bagno è utilizzare materiali innovativi come il Cristalplant Biobased®, ma anche godere del risultato organico che sprigiona dall’equilibrato accostamento con l’acciaio inox, materiale che dà l’idea di praticità e resistenza nel tempo, e con il legno che regala invece una morbida sensazione di calore ancestrale.

L'eleganza della tradizione artigiana in Abisso- Atelier12

L’eleganza della tradizione artigiana in Abisso- Atelier12

 

Quello che risulta essere peculiare dei due progettisti e del marchio è un approccio votato agli accostamenti,vibrante ed emozionale.

Atelier12 ha sviluppato la linea di complementi d’arredo sostenuto da imprenditori di pluriennale esperienza e coadiuvato dai sapienti artigiani veneti verso la realizzazione di prodotti dall’estetica e dalla funzionalità precisa, attenta alla sostenibilità in quanto frutto di una filiera corta, personalizzati e taylor made sui bisogni dell’utilizzatore.

Abisso- Acciaio Inox, Cristalplant Biobased® e Legno

Abisso- Acciaio Inox, Cristalplant Biobased® e Legno

Design giovane, tradizione artigiana e fiducioso slancio imprenditoriale: queste le tre parole d’ordine del brand vicentino.

In seguito Meneghello matura una fondante esperienza in Danimarca collaborando con con lo Studio Mikal Harrsen e in seguito per per MA/U Studio, mentre Lanfranco concentra la sua attenzione sul riutilizzo ragionato degli scarti aziendali di piccole e medie imprese torinesi.

Atelier12- Nuovi materiali

Atelier12- Nuovi materiali

I direttori creativi di Abisso hanno entrambi unBachelor Degree in Industrial Design presso lo IAAD di Torino: Meneghello con una tesi in collaborazione con Gessi Spa sulla contaminazione tra arredo e ambiente circostante, Lanfranco sulla reinterpretazione del classico capitonné con Poltrona Frau.

Insieme ricevono una menzione speciale al Carbon Fiber Design Contest nel 2014, con il progetto per una lampada a sospensione, costruita interamente in carbonio.

via Rocca 50
46019 - Viadana - MN - Italy

Design, ironia e citazione. Le proposte di Seletti per il Natale 2015

Design, ironia e citazione. Le proposte di Seletti per il Natale 2015

Seletti Natale 2015 – Vegaz

Il brand italiano Seletti ,con le collezioni L’Art de la table, Lighting e Objects , prepara un Natale 2015 giocoso e sofisticato.  Le creazioni fanno parte di collezioni le cui parole d’ordine sono originalità, sorpresa e ironia, unite alla citazione scherzosa di opere d’arte del nostro tempo e di casa nostra. Prego di astenersi dal leggere di seguito chi non desidera che gli oggetti di uso quotidiano portino buonumore, oltre che funzionalità.

La selezione Seletti per il Natale 2015

La selezione Seletti per il Natale 2015

Per gli altri segnaliamo in primis la linea per la tavola Cosmic Diner ideata in collaborazione con Diesel Living che già comprende un set di piatti raffiguranti i pianeti.

Oggi possiamo osservare Starman, un astronauta in porcellana il cui zaino provvisto di un foro diventa un portafiori, i macina sale e pepe Rockets, due missili in legno laccato e decorato con macinino in acciaio e ceramica.

Cosmic Diner - Diesel with Seletti

Cosmic Diner – Diesel with Seletti

 


L’ironia qui sta nel parallelismo delle azioni: l’eroismo delle missioni spaziali diventa gesto minimale nell’uso comune a tavola, come un’
iperbole al rovescioDirettamente di ritorno da Marte i bicchieri Meteorite, elettroplaccati con finitura oro sfumato e disponibili in due misure, alto e basso, uniscono sapienza artigiana alla tecnologia più funzionale perché sono formati da vetro soffiato a bocca, e doppia camera per preservare la temperatura delle bevande.

Per un pranzo meno eccentrico presentiamo la collezione Hybrid del duo CTRLZAK: unisce le culture occidentale e orientale donando all’utilizzo della bone china un design inedito, in particolare con i bicchieri da cocktail Clarice e la lattiera Berenice.

My little neighbour - Seletti

My little neighbour – Seletti

 

Nell’ambito dell’illuminazione ritorniamo un pò bambini con la lampada My Little Neighbour, che evoca la poesia del souvenir di viaggio nell’urna di vetro. In questo caso al suo interno c’è una casetta luminosa, per raccontarci una fiaba ogni volta che accendiamo la luce sul comodino.

Evocativa invece del mondo simbolico nell’arte è la linea di lampade MRND di Elena Salmistraro: sono un tributo originale dell’opera di Giorgio Morandi, di cui si rielabora l’atmosfera della sua pittura e della sua grafica nei colori e nelle forme, in una visione dove Arte e Design si esaltano e completano reciprocamente.

Still Alive - Antonio Aricò per Seletti

Still Alive – Antonio Aricò per Seletti

Passiamo dalla delicatezza alla grinta più pop conVegaz e Neon Art: le prime luci hanno struttura in metallo che contiene una sequenza di lampadine a led e riproducono tutte le lettere dell’alfabeto, le seconde sono lettere e simboli neon che si possono fissare alle pareti combinandole per formare parole o frasi personalizzate.

Tra gli oggetti dedicati allo spazio di lavoro notiamo Inception di Luca Nichetto: ricostruisce lo skyline di New York per viaggiare con la fantasia nella città moderna per antonomasia, con questo portalettere o scolapiatti in morbido materiale plastico. Sulla scrivania i vasi raccoglitori e fermacarte Still Alive di Antonio Aricò uniscono funzionalità e decorazione nel divertissement multimaterico in calde colorazioni, mentre i vasi Caméra di Marcantonio Raimondi Malerba aggiungono un’aria surreale e possono contenere liquidi grazie al loro particolare rivestimento waterproof.

Vegaz - Seletti

Vegaz – Seletti

L’arte che critica la nostra società con un’irriverente risata, ecco cosa si intende citare con gli oggetti della collezione per i regali del Natale 2015 Seletti wears Toiletpaper; i disegni provengono dalla rivista di sole immagini creata daMaurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari e sono ombrelli e cuscini nelle quattro fantasieFrog, Lipstick, Shit e Typewriter.

Se poi restiamo in tema di citazione artistica con Cattelan non dimentichiamo L.O.V.E., la scultura in Piazza Affari che diventa un oggetto di design con Seletti come souvenir di Milano, oggi restyling della versione del 2014, sottoforma di carillon, boule de neige e miniatura.

L.O.V.E. - Seletti wears Toiletpaper

L.O.V.E. – Seletti wears Toiletpaper

 

SELETTI nasce nel 1964 a Cicognara (Mn). Romano Seletti dagli anni settanta è pioniere dell’importazione di prodotti per la casa, dopo una serie di viaggi in estremo Oriente e grazie alla collaborazione dell’esperto in relazioni internazionali commerciali Luigi Goglio.

Fino agli anni ottanta arrivano tipici prodotti cinesi in bambù e smaltati da tavola, poi l’azione dei figli Stefano e Maria segue il mutamento radicale nel mondo della distibuzione, con il GDO e il passaggio dalla vendita “assistita” a quella “a libero servizio”. Stefano si forma accompagnando il padre in Cina, India , Tailandia e contribuisce a trasformare l’azienda attraverso un nuovo servizio caratterizzato dalla grande importanza del packaging creativo, come fornitore strategico del mercato GDO. Lo studio del marketing in termini di strategia, creatività e comunicazione porta avanti la vocazione di Seletti ad essere interprete del design che soddisfi i bisogni di eterogenei gruppi di consumatori, “democratico” e popolare.

Cosmic Diner - Diesel with Seletti

Cosmic Diner – Diesel with Seletti


Michela Ongaretti
Negli anni ‘90 i fratelli seguono anche l’evoluzione merceologica in Oriente includendo lavorazioni industriali complesse. Inizia ilgioco combinatorio sui nuovi materiali, di cui è esemplare la linea da tavola “Estetico Quotidiano” in porcellana e vetro borosilicato, con la sua riproposizione in materiali nobili degli articoli monouso. Grazie all’osservazione in prima persona, al dialogo con gli artigiani e fabbricanti in Cina, cresce con grande entusiasmo la creatività attraverso la sperimentazione, ispirandosi senza definizioni anche all’imperfezione da cui può “nascere un’idea vincente”, una finitura incompleta o una forma incompiuta che diventa ready made. Il brand si afferma in tutto il mondo e lancia modelli ormai classici.

Toiletpaper umbrella - Seletti

Toiletpaper umbrella – Seletti

Dal 2000 sono due le filiali ufficiali: La Seletti North America Ltd e la Seletti China, con un grande investimento sul quartier generale di Cicognara di oltre settemila metri quadrati alimentati da fotovoltaico. Il cambiamento continua perché se prima dalle grandi quantità si passa al design selezionato, oggi l’attenzione del brand è rivolta a prodotti altamente creativi ma di nuovo democratici, nel prezzo e nei materiali, ad esempio Egg of Columbus, lampade in carta pressata idrofuga del 2013. L’intento odierno è la continua evoluzione e innovazione, quindi accanto a giovani leve internazionali Stefano Seletti cerca la collaborazione di personaggi esterni al mondo del design. Egli lo intende come viaggio trasversale nell’idea di una nuova bellezza, la sua r(evolution) accompagnato da artisti visionari.

Michela Ongaretti

Un particolare di Abimis Ego presso Turri 1870

Abimis al Fuorisalone 2015. Le cucine progettate intorno a chi cucina

Abimis al Fuorisalone 2015. Le cucine progettate intorno a chi cucina

Tra i protagonisti della Milano Design Week 2015 anche le cucine Abimis, marchio italiano che sarà ospite dello show-room Turri 1870 in Viale Piave 35 nell’elegante distretto del design di Porta Venezia in Design Da martedì 14 al 18 Aprile vedremo i neonati modelli Abimis Ego e Atelier, ma non solo. Per l’occasione, e nell’imminenza di Expo2015, la location di viale Piave si trasformerà per accogliere un concept che riunisce evento ed installazione.

 

il progetto Abimis- intorna alla cucina e ai suoi gesti

il progetto Abimis- intorno alla cucina e ai suoi gesti

 

 

La tematica sarà la Terra intesa come pianeta e come elemento, omaggio alla biodiversità celebrata da Expo e al mito dell’origine vitale.

Tutto si sviluppa intorno alla funzione primaria della cucina: l’atto del cucinareAbimis nasce dall’esperienza di Prisma, azienda che da trent’anni progetta cucine professionali per grandi alberghi. ristoranti, navi da crociera e mense aziendali. Questi strumenti “del mestiere” coniugano funzionalità e design e seguono alti standard di igiene, ergonomia e manutenzione.

Da questa esperienza è nata Abimis, progetto per cucine private dove resta primaria mission facilitare con degli strumenti funzionali, precisi ed ergonomici chi usa la cucina con passione e creatività. Alla lunga esperienza di Prisma si aggiunge il design minimalista dell’architetto Alberto Torsello e Treviso Tecnologia con la sua innovazione.

Abimis_Ego-design Alberto Torsello

Abimis Ego, design Alberto Torsello

 

Quest’ultima azienda è stata creata su iniziativa della camera di commercio di Treviso, per promuovere lo sviluppo tecnologico, segnale importante di una sensibilità istituzionale verso il settore, che dimostra la qualità, se non la quantità degli stimoli verso l’imprenditoria creativa del nostro paese. La sinergia di Treviso Tecnologia con gli altri soggetti ha garantito il necessario contributo scientifico dei meccanismi a monte della progettazione dello spazio dedicato.

Si tenta quindi di portare l’efficienza e la funzionalità della cucina professionale nell’ambiente domestico: lo spazio è costruito attorno alle azioni che si compiono al suo interno; la figura di chi cucina è paragonata ad uno chef che sia libero e in grado di seguire dei movimenti logici nel suo creare; il design di Torsello disegna l’acciaio inox senza fughe con un alto livello di resistenza agli urti, e dove sono resi più agevoli i principali cinque gesti del cuoco: conservare, preparare, cuocere, impiattare, lavare.

Abimis_Ego-design Alberto Torsello presso Turri 1870

Abimis Ego, design Alberto Torsello presso Turri 1870

 

 

Aggiungiamo la precisione di alcuni dettagli che rendono più funzionale l’insieme. Sono nel progetto anche le cerniere dei mobili nascoste e saldate, studiate per durare a lungo e non avere bisogno di manutenzione; facilita l’utilizzatore anche la cura per il posizionamento dei diversi elementi come lo zoccolo rientrante di 20 cm per permettere di avvicinarsi al piano di lavoro, quest’ultimo con sistema “stop ove floating” che consente di contenere i liquidi su di esso raccolti. I vani interni sono stagni e con una profondità di 75 cm, superiore quindi alla media.Il cruscotto di comando dei fuochi è invece inclinato , per aumentare la visibilità e le manopole sagomate ed ergonomiche, come tutto il resto che sporge sono arrotondate. Dal punto di vista estetico la finitura “orbitata” dell’acciaio lo rende più morbido e caldo nel colore, oltre a ridurre la visibilità di eventuali graffi, mentre in termini di igiene la qualità è alta grazie alla saldatura di tutte le superfici interne ed esterne. Ogni accessorio fa inoltre riferimento al sistema “Gastronorm” che prevede misure standard per far sì che ogni utensile passi in ogni apertura di ogni zona, dal lavello al forno.

Un particolare di Abimis Ego presso Turri 1870

Un particolare di Abimis Ego presso Turri 1870

 

 

Presso Turri 1870 potremo osservare le due linee Ego e Atelier, sempre regolate sui movimenti del gourmet appassionato e in equilibrio tra design, estetica e tecnologia. Entrambe hanno un “cuore” in acciaio ma tipologie costruttive differenti.

Ego è prodotta interamente in acciaio con l’anta raggiata a filo battente completamente integrata nella struttura attraverso una cerniera cardine, d’inedita concezione invisibile e che non necessita di regolazione, brevetto Abimis. Qui viene presentata nella sua finitura laccata nero opaco, con i suoi tre fuochi e altri accessori inseriti nelle forme generose, ad esempio il piano riportato è di oltre due metri.

Atelier presenta ante di forma squadrata in finiture e materiali diversi, legni naturali o verniciati, pietre e il Corion. Disponibile anche nella versione con ante in acciaio lucido o verniciato.

Abimis_Ego-design Alberto Torsello

Abimis Ego-design Alberto Torsello

I materiali costitutivi e la sofisticata tecnologia industriale rendono potenzialmente eterne queste cucine: l’acciao AISI 304 è un metallo biologicamente neutro che resiste alla corrosione e a temperature fino a 500°C, si pulisce facilmente. Ultima caratteristica, per noi una delle prime in ordine d’importanza, la sua riciclabilità al 100%: in questo caso la sua durevolezza lo rende un prodotto che non genera scarti nell’ambiente nel breve periodo, ma permette comunque una sua reintegrazione quale altro materiale da costruzione per nuovi oggetti nel lungo. Altra caratteristica valida nell’ottica ecologista per Abimis è la possibilità di montare una pattumiera refrigerata a 6°C, permettendo la raccolta dell’umido ma riducendo la proliferazione dei batteri.

Possiamo definire questi prodotti “sartoriali” perchè sono costruiti solo su disegno: tutto è adattato alle necessità personali, finiture e tipologie di vano differenti, scelta dello spessore dell’acciaio delle ante, la definizione e dimensione dei piani di lavoro, e rifinite con cura artigianale. Ogni progetto risulta quindi unico nella sua personalizzazione, per questo motivo ogni cucina Abimis è numerata.

Sempre in viale Piave, intorno a Ego e Atelier ci sono parti di cucine Abimis, smembrati in diversi pezzi a rappresentare le diverse fasi di lavorazione che trasformano una semplice lastra di metallo in un organismo complesso e funzionante, queste componenti esaltano quelle fasi di lavoro del cuoco secondo Abimis: conservare, preparare, cuocere, impiattare e lavare.

Assisteremo anche all’installazione/allestimento in omaggio alla madre Terra nutrice e protettrice, intesa sia come pianeta che come elemento, di cui oggi dobbiamo saper prenderci cura.

PS 2014-01-28 Abimis_Ego-design Alberto Torsello

Abimis Ego, design Alberto Torsello, particolae dell’acciaio

 

Tutto lo showroom si vestirà di suggestioni materiche, per rendere l’atmosfera avvolgente e calda, caratterizzata da ideali zolle che si inseguono sulla carta da parati ecologiche e d’autore di Wallpepper, accostate a colonne di piatti in porcellana Tognana, e alle sculture lignee di Luca Mommarelli, elementi legati al filo rosso del cibo con i sui rituali, e della sua materia originaria.

Lo spazio ci racconta una storia secondo il concept della stylist Patrizia Toffolo, ancora più sensoriale grazie ai profumi esotici e agli aromi del caffè preparato con la macchina professionale Gemini CS2000 di Nespresso,partner di quello che si preannuncia come un evento coinvolgente il senso estetico, il gusto, il piacere olfattivo e la funzionalità di prodotti che innalzano la qualità della vita, anche attraverso la buona cucina che identifica l’essenza italiana.

TURRI 1870 SHOWROOM Viale Piave, 35, 20129 Milano

Michela Ongaretti