Michele Palazzo deve la sua fortuna come fotografo al desiderio incondizionato di testimonianza. Con la sua Ricoh GR è sceso in strada a New York nell’inverno del 2016 mentre imperversava la tempesta di neve Jonas e lo scatto della metropoli trasformata in paesaggio impressionista ha fatto il giro del mondo in alcune ore. Oggi Artscore intervista per la prima volta un fotografo, convinti che una passione testarda possa a volte superare le logiche del mercato e delle caste, forse meno difficile lontano dall’Europa.

 

New York vista da Michele Palazzo

New York è street fauna. Artscore intervista il fotografo Michele Palazzo, ph. Sofia Obracaj

 

“Il talento è fortuna. Penso che la cosa più importante nella vita sia avere coraggio”. Le contraddittorie parole di Woody Allen nel film Manhattan ci sono venute in mente quando abbiamo conosciuto la storia di Palazzo. Non mettiamo certo in discussione il talento, ma pensiamo che se con coraggio non avesse mostrato quella foto del Flatiron Building “trasfigurato” e non avesse avuto la fortuna di farlo nel momento giusto, forse non avremmo visto la sua personale “Dove Comincia il Mondo” presso la Galleria Still, qui a Milano. La fortuna è anche la vostra, se vorrete visitare l’esposizione aperta fino al 12 gennaio.

Di sicuro in comune con Woody Allen c’è l’entusiasmo per la vita nella Grande Mela, protagonista dei venti scatti presenti nella mostra curata da Denis Curti e Maria Vittoria Baravelli. Quello che intende mostrare Palazzo non sono sono i cityscape formati dal profilo di grattacieli o di architetture ultramoderne, il suo obiettivo si muove in strada da quando il fotografo ne fa parte osservando i suoi simili, le persone come le personalità che fanno Manhattan, nella sua quotidiana e brulicante vita. Un racconto che può farsi corale nella ricerca ma che si concentra sempre sull’individuo nelle singole immagini, frammenti di esistenze scrutate nell’attimo del loro passaggio, che la fotografia fa immaginare  tragiche o riflessive, a persino grottesche. Quel che è certo che New York accoglie e si definisce da questi volti originari di tutto il mondo, cosa che ben si evince dalla scelta dei soggetti.

 

New York vista da Michele Palazzo. In mostra presso Still fotografia fino al 12 gennaio 2018

New York è street fauna. La fotografia di Michele Palazzo presso Still, ph. Sofia Obracaj

 

Mille volti della street fauna

Il nucleo dell’indagine fotografica di Michele Palazzo è questo, le persone nelle strade cittadine così occupati dalle loro attività quotidiane da non accorgersi di essere osservabili come esemplari di un’umanità che riflette lo stile di vita del luogo. Non per nulla il sito ha il nome del suo progetto, street fauna perchè si concentra sugli animali dello zoo cittadino che siamo noi, esistenti in quanto tali in relazione all’ambiente che definiscono mentre lo attraversano o lo usano, qualcuno vive nel suo mondo privato e pare non mescolarsi agli altri mentre qualcuno addirittura può nascondersi tra le varie anime. Esiste dinamismo tra gli spazi e le persone che abitano la strada in maniera naturale forse perchè non sanno di essere fotografati o forse perchè a New York è così, fatta di gente abituata a convivere con moltitudini di diversa estrazione sociale, stranieri e americani intenti in diverse attività, insomma la cultura si riflette nel soggetto. Ce lo spiega Palazzo a cui chiediamo se abbia intenzione di allargare il progetto ad altre metropoli del mondo, ragiona su come l’esperimento possa essere utile a riflettere quel genius loci che traspare dai volti dei cittadini fotografati. Racconta di aver scattato in varie città aggiungendo che lui stesso si trova ad essere un fotografo diverso in base a dove si trovi. Se a new York ha trovato una vera e propria casa e si sente quindi più sfrontato, in Italia è più frenato per la questione della privacy e delle persone che non sempre reagiscono positivamente, ma in queste differenti situazioni intende arricchire la sua street fauna, “per me la cosa interessante quando viaggio è proprio capire che tipo di foto farò e mi stupisco delle volte di quello che salta fuori”.

 

New York vista da Michele Palazzo. In mostra presso Still

New York è street fauna. A Milano la fotografia di Michele Palazzo, ph. Sofia Obracaj

 

Il discorso può essere valido anche nelle piccole città? Per lui si magari adattando gli strumenti in maniera funzionale a queste differenze, magari girando con una macchina più piccola e meno avvertibile, una volta provando anche con una GopPro.

Chiediamo delle impressioni diverse in  tre città vive e vegete in Europa: Barcellona, Londra e Parigi. nella prima palazzo ha abitato da studente per un anno ed in effetti ha scattato molto, ma considera opere immature, Parigi il genius loci non lo ha colpito, forse i volti erano troppo “turistici”, o forse perchè suo elemento principe è la maestosità dell’architettura. Su Londra si sofferma parlandoci dei grandi stimoli dalla sua recente visita al Barbican Centre, “avrei voluto passarci una settimana a seguire i giochi di luce con le persone all’interno della struttura”.

 

New York è anche solitudine, la street fauna di Palazzo

New York è street fauna. Alone in NY, fotografia di Michele Palazzo

 

Un fotografo “di pancia”

Così si definisce Michele Palazzo a cui chiediamo un bilancio per la sua avventura con la fotografia iniziata in tenera età e proseguita durante gli studi in architettura, ma che presto lo aveva stancato per non avere l’uomo al centro delle sue immagini. Se si deve sentire stimolato e New York ha fornito e continua a fornire le suggestioni che lo spingono a continuare questa ricerca, il successo della foto di Jonas lo ha spinto a pensare in termini più progettuali la sua street fauna. E’ buffo come una foto che non abbia figure umane, che quindi in realtà si discosta dal suo modus operandi, “sia stato un segnale della mia maturità nella disciplina, la scintilla che lo ha fatto legare ancor più alla città con l’idea e l’obiettivo di catalogare più animi umani possibile”. Ora è più reale l’ambizione di continuare a fotografare, “ l’obiettivo è sopravvivere con e a questa cosa, ho bisogno di fare foto in maniera quasi compulsiva, necessario come prendere una medicina, e spero che continuare e migliorare sempre questa ricerca”.

 

New York vista da Michele Palazzopresso Still fino al 12 gennaio 2018

New York è street fauna. A Milano le luci della città fotografata di Michele Palazzo, ph. Sofia Obracaj

 

Fortuna e talento a New York

Ci racconta l’episodio legato al Flatiron Building ritratto sotto la neve. “ Due giorni dopo lo scatto sono tornato là e sono entrato nel palazzo dove c’era una galleria e guarda caso un’installazione dal titolo “Snow Flakes”, la gallerista con rammarico mi disse che dopo tre anni la proprietà riprendeva per sé lo spazio. Si trattava della compagnia telefonica Sprint che mi aveva già contattato per chiedermi di pubblicare sul loro profilo instagram la foto, e alla quale avevo detto no. Allora ho proposto alla galleria di fare qualcosa più in grande con me cercando di convincere il marketing di Sprint a veicolare il loro nome all’arte e lasciare quindi lo spazio nella funzione attuale, i giornali ne avrebbero parlato grazie al tam tam che si era creato, e avrebbero parlato del mecenatismo di Sprint. Non accettarono e per un anno il locale fu utilizzato da Sprint , ma la cosa interessante è che la società italiana proprietaria dell’intero stabile, Sorgente Group, si è mossa perchè ancora fosse l’arte ad abitare la vetrina. Ora non posso definirla una galleria come struttura organizzata ma si espone e si vende arte. E’ comunque stata quella foto a cambiare le cose”.

 

New York sotto la neve per Michele Palazzo

New York è street fauna. Michele Palazzo racconta ad Artscore la storia di una foto che gli ha cambiato la vita, ph. Sofia Obracaj

 

Palazzo non ha più fatto una mostra al Flatiron ma ne ha fatte altre da allora a New York , la foto della bufera si trova in una galleria dove può essere venduta in edizione limitata.

Dicevamo che quell’immagine che lo ha fatto conoscere non segue la sua specifica ricerca.

“In quel momento ero molto talebano anche su tutto ciò che mettevo su Instagram, solo street fauna. “Poi mi sono buttato e dal social Eyeem è stata notata e ha avuto risonanza immediatamente grazie al blog thisiscolossal.com, ne hanno scritto poi Telegraph, il Guardian e altre riviste. Il suo successo mi ha bloccato e mi sono detto di piacere per quello che non mi rappresentava al cento per cento, ma poi ho pensato che grazie a questa notorietà potevo mettere più in evidenza con coraggio il resto del mio lavoro, che da allora andava preso sul serio. Come spesso mi accade un istinto  mi spingeva a ascattare quella notte  e questo coraggio di sfruttare quel momento ha assecondato la fortuna di essere nel posto giusto al momento giusto.

 

New York per Michele palazzo è anche subway mood

New York è street-fauna. Michele-Palazzo-Subway Mood di Michele Palazzo all’interno della mostra Dove Comincia il Mondo

 

Gli chiediamo se la sua produzione possa essere collocata meglio come foto d’arte o fotogiornalismo. Palazzo non vuole definirsi in un contesto preciso ma ci ricorda con entusiasmo le collaborazioni nate, come quella con un artista che ha operato sulle sue stampe e da cui è nata una mostra, dimostrando umiltà e pragmatismo. “Mi piace contaminare con altre discipline perché sai la fotografia è difficile adesso, tutti possono fare belle foto con buoni strumenti popolari ma pochi hanno cose da dire” .

 

Web e fotografia

Pare che il web abbia messo in crisi le agenzie, il sistema di vendita prima esistente. Ma New York e da chi deve parte della notorietà ad un blog il web non può essere più visto come un pericolo.

“Per me è un’opportunità incredibile , forse quelli che lo temono sono i fotografi della vecchia guardia con la paura di perdere quello status di elite che esisteva. La fotografia era una disciplina costosa e difficile mentre ora è tecnicamente alla portata di tutti. Senza il web non avrei avuto questa possibilità e il panorama va spinto nel suo cambiamento, comunque i contenuti validi sono pochi e si distinguono e se hai una voce il web non farà altro che amplificarla. Per le foto che fanno notizia l’informazione globale facilita il buon fotogiornalismo, e persino facilitare il mercato coinvolgendo nuovi attori e collezionisti, che si apre oggi alla Cina.

Ad Artscore sembra di viaggiare su un doppio binario visto che accanto alla foto online cresce la richiesta di stampe su carta pregiata in edizione limitata, e anche nelle fiere d’arte aumenta la presenza della Fotografia. Concorda Palazzo che vede fuizioni diversificate anche nella stessa persona, “ma chi si accontenta di un’immagine sul pc comunque non comprava nemmeno prima”.

 

New York secondo Michele Palazzo. Dove comincia il Mondo

New York è street fauna. A Milano la fotografia di Michele Palazzo, in visita alla mostra Dove comincia il mondo, ph. Sofia Obracaj

 

Mercato e Futuro

Parlando della  differenza tra i mercati. “Per me quello di New York  è meno snob di quello italiano od europeo, più aperto a dare possibilità ad autori emergenti anche se ultraquarantenni. Per la fotografia più maturo, dove molte gallerie sono pronte a scommettere sui suoi autori”.

Però in Francia hanno richiesto Palazzo, “forse un pò perchè New York ha il suo fascino indiscutibile, è iconica, quindi è un pò più facile notare le sue immagini. Credo poi che la mia sia una vista atipica del Flatiron Building di solito visto per intero, concentrarsi solo questa punta fa immaginare qualcosa di immenso come una nave che entra nella neve”.

Le infinite sfaccettature di Manhattan non smettono di stimolare: “Mi sono finora concentrato sulla 23esima strada, la Quinta Avenue e Madison Square Park trovando ogni giorno grandi differenze, ora vorrei lavorare solo sulla 23esima che è la mia via. E’ un crocevia, un microcosmo di personalità incredibili, l’idea di New York come esperienza di variazione sociale qui si respira in piccolo”.

Michela Ongaretti

 

Mew York e la vista parziale del Flatiron Building sotto la bufera di neve Jonas, foto di Sofia Obracaj

New York è street fauna. In mostra da Still la fotografia di Michele Palazzo, ph. Sofia Obracaj

 

Se volete vedere l’intero progetto street fauna potete trovarlo a questo link con il portfolio di Michele Palazzo www.streetfauna.com

 

Dove comincia il Mondo

Still

Via Balilla 36, Milano

fino al 12 gennaio

Lascia un commento