panca molletta baldessari-lucedicarrara

Paolo e Michela Baldessari. Abitare il progetto, abitare i materiali. Fuorisalone2015

Paolo e Michela Baldessari. Abitare il progetto, abitare i materiali. Fuorisalone2015

Un tiepido sole primaverile ci ha accompagnato in via Pontaccio, dove abbiamo incontrato Paolo e Michela Baldessari, titolari dello studio associato Baldessari e Baldessari: abbiamo piacevolmente discorso del loro lavoro passato e futuro, a partire dalla mostra “Abitare i materiali”, che si terrà presso la galleria EffeArte di via Ausonio 1/A in occasione della Design Week, dal 14 al 19 aprile nel distretto delle 5VIE .

 

Star-Lit design Baldessari e Baldessari per StarpoolStar-Lit design Baldessari e Baldessari per Starpool

 

Paolo e Michela Baldassari sono cresciuti in un ambiente dove tutto parlava di architettura, che ha nel loro caso influenzato positivamente le scelte future. C’è chi si ribella alle proprie origini, chi prende strade diverse e chi, come loro, ha saputo fare buon uso degli esempi quotidiani del padre Giulio e dello zio Luciano, respirando quell’ossigeno creativo che ha portato allo sviluppo di un percorso e una professionalità propria pur nella sua coerenza evolutiva.

Così, dopo la laurea in Architettura allo Iuav di Venezia  per Paolo e presso l‘Istituto Europeo di Design per Michela nel 1980, i fratelli riprendono lo studio fondato da Giulio nel 1950. Nel corso della loro carriera si sono occupati di architettura, interior design, industrial e visual design. Gli allestimenti di mostre in Italia e all’esterosono un fiore all’occhiello dell’attività dello studio, che fa ricerca e partecipa ad esposizioni e concorsi, progetta nel settore pubblico e residenziale e ha collaborato con diverse aziende di design come Riva1920, Pallucco, Adele c, cc-tapis, De Castelli, Atipico , Twils, Starpool e Luce di Carrara.

Lo studio è stato insignito di premi e menzioni di merito. Nel 1984 al concorso “Una sedia italiana per gli Usa”, nel 1991 al “Premio Alcan” per l’uso dell’alluminio nell’ambiente costruito” ed al concorso internazionale Trau per la progettazione di una workstation. Nel 2007 vince il “Concorso di nuove sperimentazioni di arredo per esterno” SunRimini 2007, nel 2013 il premio Pida 2013 nella sezione concept alberghieri, per il restyling dell’Hotel Villabella di Tempesta . Nel 2014 vince il Premio Pida Friends per il contributo nella conduzione del Workshop Design.

Sofa Casablanca design Baldessari e Baldessari per Adele-c

Sofa Casablanca, design Baldessari e Baldessari per Adele-c

L’organizzazione del lavoro si avvale di un ampio network di consulenze esterne, e crea gruppi di lavoro a seconda delle commissioni. Non ci stancheremo mai di meravigliarci di come due menti complementari riescano, se sopravvivono a quel tremendo meccanismo di unanimità obbligata nelle coppie decisionali, ad armonizzarsi nei processi creativi, a unificare le visioni.

Forse perché in questo caso lo spirito che anima il loro lavoro nasce proprio da quel multilinguismo dell’architettura che è parte del loro dna, in ogni caso leggiamo nel loro operato la coerenza di voler miscelare e contaminare gli stili, nel rispetto di un ambiente con una storia, una collocazione territoriale ben esprimibile attraverso l’uso dei materiali e dei rimandi culturali.

Come tutti i protagonisti italiani del design con anni di esperienza alle spalle, il punto di partenza è l’architettura nel suo approccio integrato: in questo modo occuparsi di progettazione per edifici o interni, o allestimenti per esposizioni, significa anche organizzare in maniera logica i pezzi di arredamento contenuti in questi ambienti. Michela ci spiega che le commissioni di interior design hanno un’alta percentuale di mobili a disegno, con qualche elemento che viene dal mercato, ciò che conta è la valorizzazione reciproca e inserita in una visione d’insieme e di “carattere” del luogo.

Così come non esistono confini disciplinari tra architettura e design così pure negli oggetti si trova spesso un richiamo forte all’arte contemporanea e ai suoi meccanismi logici. Rovereto, la loro città natale, è stata un crocevia per le arti nel novecento che ha favorito la vocazione interdisciplinare che collega una forma ad altri mondi, differenti da quello in cui solitamente si trova un arredo, tendenza necessaria negli allestimenti, che amplifica la portata “comunicazionale” dei contenuti del progetto.

Anche quando un pezzo di design è progettato senza un ambiente di destinazione preciso, si attinge ad un immaginario, quello del “caveau della memoria”: sono oggetti che hanno un forte valore iconico, e che spesso gioca con l’ironia e un gusto leggero e pop. Stiamo pensando alla panca “Molletta”, ready made dell’oggetto quotidiano che cambia funzione attraverso l’uso del fuoriscala. Disegnata per Riva 1920, sia per l’outdoor che per ampi interni, la sua presenza scultorea regala importanza all’oggetto originario povero a cui si ispira

panca Molletta design Baldessari e Baldessari per Riva1920La panca Molletta, design Baldessari e Baldessari per Riva1920, al Fuorisalone2015

Rimanda ad esso l’uso del cedro naturale massello, ed è al contempo in linea con la tradizione di Riva1920. Prodotta nel 2012, due anni dopo vengono create versioni in diverse misure. La stessa forma si propone nel fermacarte in marmo Tina, per Luce di Carrara nel 2014, che in collaborazione con Riva 1920, ne produce anche una versione in marmo, nella parte inferiore.

Sempre mettendo in comunicazione mondi diversi ogni anno il fuorisalone vede in esposizione il design dello studio Baldessari e Baldessari in luoghi non convenzionali, l’anno scorso nello showroom di Gucci e quest’anno presso la galleria Effearte, dove dialogheranno con le opere di Franco Cervi. Il titolo illustra la loro ricerca degli ultimi anni sui materiali, in grado di amplificare una sensazione scaturita da un oggetto o connotarlo in senso preciso, donare ad esso confort e innovazione. E’ questo lavoro sui materiali, unito alla costante attenzione per i meccanismi dell’arte e il suo rappresentarsi, il loro plus progettuale.

Saranno in esposizione i tavoli e vassoi della collezione Filo, con la novità di un modello a piano rotondo, per Luce di Carrara, brand di Henraux. Il piano è in cristallo mentre la base in marmo: quest’ultima ricalca la forma del vassoio rovesciata, sono due forme accostate ricavate in modo da non sprecare materiale
.

tavoli Filo design Baldessari e Baldessari per Luce di FerraraTavolo Filo, design Baldessari e Baldessari per Luce di Ferrara

Un grosso blocco di marmo che in questo caso è scavato nella stessa direzione, utile anche per la produzione dei vassoi e centrotavola, come quello che presenta nella lavorazione del marmo un calendario perpetuo nei dodici mesi; si espone anche la versione metà in marmo metà in legno.

In mostra ci saranno anche altri progetti recenti che abbiamo visto in studio, dalla panca Molletta per Riva 1920 ai pouf SEIperSEI per Twils in tessuto e metallo, al tappeto Colossal per C- C Tapis.

Inoltre il divano con il maxi intreccio Casablanca per Adele-c del 2014, che ha rappresentato in un momento di difficoltà ,una svolta risolutiva proprio attraverso l’uso dei materiali. Nel profilo è stato possibile svuotare lo schienale grazie alla lavorazione artigianale, ci ha pensato poi la tecnologia laser per il taglio e la finitura del tessuto. Completa l’insieme il gioco compositivo della creazione di un piano consolle. L’intreccio caratterizza il progetto ma in nome della sua versatilità è pensato in alternativa in velluto semplice.

lampada Arianna design Baldessari e Baldessari per Pallucco Italia
Lampada Arianna, design Baldessari e Baldessari per Pallucco Italia

Arianna, la lampada a sospensione per Pallucco Italia del 2013 è sempre un’integrazione dal “caveau degli oggetti della memoria” con la funzionalità dell’oggetto, ricorda infatti un arcolaio per tessere le lana nella struttura allungabile in ciliegio, mentre le parti centrali sono in alluminio.

Nella collezione di tavolini in ferro Tribù per De Castelli il trattamento del materiale è una capacità espressiva. L’essenzialità del disegno che esprime un gusto sofisticato nel trattamento cromatico.

Star_lit nasce nel 2012 come complemento per l’azienda Starpool che produce saune, da collocare in una zona benessere. La forma semplice, data da semilavorati costituiti da due cilindri intarsiati in compensato curvato, nel traforo ricorda la foglia d’ulivo richiamando la decorazione sul pavimento, mentre la parte imbottita è rivestita di materiale waterproof o ecopelle.

Si tratta di uno dei progetti per cui i designer si accorgono di andare nelle direzione desiderata, nell’ottica di uno sviluppo dei materiali che diano una personalità unica alle diverse realizzazioni dello stesso progetto,: Star lit infatti cambia completamente con il rivestimento in cavallino, materiale di pregio ma anche percettibilmente ironico.

Culla Chicca design Baldessari e Baldessari per Horm

La culla Chicca design Baldessari e Baldessari per Horm

Il compensato curvato era nella mente dei designer già dai tempi di Chicca, la culla per Horm del 1993, citata dai fratelli alla nostra richiesta di parlare di un pezzo storico al quale fossero particolarmente legati.

Il materiale aveva un sapore nordico e caloroso nello stesso tempo ma in questo caso fu l’emblema di come il mercato e il contributo del committente intervengono nelle scelte progettuali per arrivare alla messa in produzione. Allora la riverberazione sui costi era eccessiva quindi la soluzione alternativa fu il midollino, esempio invece di come la tecnologia artigianale possa formare un prodotto modernissimo nella linea.

Ci raccontano un aneddoto sul progetto che fu pensato per la figlia di Michela, Chicca, che davvero utilizzò il prototipo: Horm presentò il modello, ad Abitare il Tempo a Verona, in due versioni in midollino, una con le ruote blu per il maschietto e una con le ruote arancio per la femmina. Ebbe vita breve in fiera, perché molto presto una coppia di arabi in attesa di due gemelli le comprò entrambe.

Michela Ongaretti