Racconti di mare di Arturo Delle Donne, Il Vecchio e il Mare

Il Fotografo e il Mare. Arturo delle Donne dal MIA Photo Fair alla Galleria Hernandez

Arturo delle Donne sembra un nome di fantasia. Eppure non lo è. Così come le sue foto  sono molto più vicine al nostro mondo, nella loro pura ed esplicita invenzione scenografica.

Lo abbiamo visto la MIA Photo Fair 2017 con la Galleria Hernandez che per quell’occasione ha scelto di puntare tutto su di lui con il progetto “Racconti di Mare”, sia per l’originalità della ricerca sia per il lungo sodalizio che lega la galleria a questo atipico fotografo.

 

Racconti di mare di Arturo Delle Donne, Il Vecchio e il Mare

Arturo Delle Donne con Racconti di Mare alla galleria Hernandez, Il Vecchio e il Mare

 

Per chi non è riuscito a partecipare Artscore ha il piacere di invitarvi presso la galleria Hernandez da giovedì 16 marzo per la mostra a cura di Gigliola Foschi, dove si potranno ammirare le stampe fotografiche di grandi dimensioni nate dall’interpretazione di celeberrimi romanzi avventurosi ambientati nelle acque marine.

Vedere le sue immagini è una gioia per estimatori di effetti speciali, è uno scherzo fatto ad arte all’illusione di costruire la finzione come reale. E’ un mondo realmente letterario quello vissuto nelle scene, perchè romanzi come Ventimila Leghe Sotto I Mari , L’Isola del Tesoro o Moby Dick sono nati dalla mente di chi è stato in grado di regalare ai lettori un viaggio intrapreso solo con gli occhi e col cuore, di sola andata fino all’ultima pagina, finché tutto si sgretola e torniamo a vedere le libro, la poltrona, il salotto, ritorniamo insomma sulla terraferma. Questo lo può comprendere chi ha amato fin dall’età dell’innocenza questo genere di letteratura, chi ha sviluppato un rapporto intimo e privilegiato con il Mare ( da biologo ricercatore in Ecologia), e chi da anni esplora professionalmente la fotografia come strumento versatile ed interpretativo, con possibilità di evocare spazi attraverso l’uso sapiente dei particolari.  Racconti di Mare poteva nascere e svilupparsi solo attraverso queste avventure di vita da Arturo delle Donne, che riesce a coinvolgere lo spettatore e farlo immergere nella profondità del mare e della letteratura, grazie al suo prezioso gioco di set. Senza dimenticarsi dell’arma dell’ironia.

 

Racconti di mare di Arturo Delle Donne, Ventimila Leghe Sotto i Mari

Arturo Delle Donne con Racconti di Mare alla galleria Hernandez, Ventimila Leghe Sotto i Mari

 

Il fotografo ha scelto alcune scene iconiche di romanzi ambientati in mare aperto, estrapolandone le frasi salienti a commento delle fotografie. Parliamo di Ventimila Leghe Sotto i Mari di Jules Verne, L’Isola del Tesoro di R. L. Stevenson, Freya delle Sette Isole di Joseph Conrad, Moby Dick di Herman Melville, Il Vecchio e il Mare di Ernest Hemingway, L’Ammutinamento dell’Elsinore di Jack London, la Tempesta Perfetta di Sebastian Junger, del racconto Una Discesa nel Maelström di Edgar Allan Poe.

Per ciascuna di esse Delle Donne ha ricostruito in studio un set in miniatura aiutandosi con i materiali più svariati, irriconoscibili nella messa in scena restituita dall’obiettivo ravvicinato agli oggetti. L’aspetto artigianale del lavoro ricorda le origini del cinema quando gli effetti speciali erano tutti ricreati senza l’ausilio della postproduzione digitale, ma il risultato è squisitamente moderno con luci e contrasto a rendere l’immagine fiabesca e realistica al contempo.

 

Racconti di Mare. Il fotografo Arturo delle Donne davanti alla sua scena di Moby Dick

Arturo delle Donne al MIA Photo Fair con Racconti di Mare, foto di Sofia Obracaj

 

Sono tutti momenti assai teatrali, o cinematografici, dove l’azione  è sempre data dal grande protagonista, il Mare, che non manca di agitarsi, spingendo al  movimento la figura umana. L’ironia nasce dal fatto che le figure umane sono le uniche riconoscibili in quanto feticci, tenere marionette in miniatura, pur nella loro realistica attendibilità data dalla ripresa ravvicinata e che annulla la scala, mentre le onde in ovatta o pellicola trasparente difficilmente rivelano la loro natura: sono loro assolutamente e indiscutibilmente temibili e noi non possiamo che soccombere all’ideale potenza della Natura. Viviamo il nostro mondo bisognosi di credere a mostri da combattere, nella iconica bellezza di una tempesta perfetta a formare con l’ovatta la vaporosa onda di Hokusai, poi ad un certo punto il nostro Nautilus si trova a lottare con un calamaro gigante, e ci accorgiamo che gli stessi tentacoli turgidi pronti a farlo affondare, sono gli stessi indicati per una frittura.

 

Racconti di mare di Arturo Delle Donne, Ventimila Leghe Sotto i Mari

Arturo Delle Donne con Racconti di Mare alla galleria Hernandez, Ventimila Leghe Sotto i Mari

 

I momenti sono veri perché vissuti nelle emozioni del lettore o dell’osservatore, ma sono ambigui nel loro rivelarsi illusione, vita immaginata nella verità letteraria che lascia alcuni indizi per tornare a galla.

La pensiamo come Gigliola Foschi quando scrive che Arturo Delle Donne “usa la macchina fotografica come un prestigiatore” perché è in grado di trasformare in avventura in movimento il nostro sguardo di piccoli abitanti della Natura, familiare nel suo Mistero.

 

Racconti di mare di Arturo Delle Donne, L'ammutinamento dell'Elsinore

Arturo Delle Donne con Racconti di Mare alla galleria Hernandez, L’ammutinamento dell’Elsinore

 

A rivelare una chiave di lettura più letteraria, sempre però legata ad un immaginario repertorio di una memoria vissuta personalmente, ci sono i ritratti che completano il progetto. Come usciti da bauli reconditi e forse abbandonati dalle navi romanzesche ecco i protagonisti di tali narrazioni,i personaggi  rappresentati come tipi umani per lo sviluppo di un intreccio, dalla profondità dello sguardo temerario e vendicativo del capitano Nemo, al coraggio dell’incosciente giovinezza di Jim de L’Isola del tesoro, dalla pazienza quasi secolare di Santiago ne Il vecchio e il mare, al fascino femminile e conturbante di Freya.

 

Esserci  o immaginarci, sognare od esser desti, giocare o fare sul serio. Queste sono domande la cui risposta è sempre sì.

 

Racconti di mare al MIA con Consuelo Hernandez e Arturo delle Donne

L’incontro al MIA Art Fair con Consuelo Hernandez e Arturo Delle Donne pr la presentazione del progetto Racconti di Mare, foto di Sofia Obracaj

 

Restiamo nell’evocazione di soggetti da mondi remoti al piano inferiore della galleria, dove  verrà presentato al pubblico un precedente progetto di Delle Donne, “Nemes”. Esso esplora il mondo della mitologia greca e agli archetipi che rimandano alla nascita del genere umano. Dalla delicatezza amorosa di Amore e Psyche al coraggio di Ulisse fino alla disperazione di Medea.

 

Racconti di mare

mostra fotografica di Arturo Delle Donne

a cura di Gigliola Foschi

vernissage giovedì 16 marzo 2017 alle ore 19.00

Hernandez Art Gallery, via Copernico 8, Milano

fino al 6 aprile 2017

quando cadono le stelle

Quando cadono le stelle. Gian Paolo Serino alla Libreria Utopia. Giovedì del nuovo romanzo

Quando cadono le stelle. Gian Paolo Serino alla Libreria Utopia. Giovedì del nuovo romanzo

di Michela Ongaretti

Un ritratto di Gian Paolo Serino disegnato da Giovanni ManzoniGian Paolo Serino disegnato da Giovanni Manzoni.

 

La settimana svolta quasi sempre il mercoledì, raramente il giovedì. Il 16 giugno è successo. Dopo una giornata piena e terminata con una pioggia annunciata il mio amico Giovanni Manzoni mi ricorda che alla libreria Utopia Gianpaolo Serino presenta il suo ultimo romanzo editato da Baldini e Castoldi, una storia corale in differenti capitoli, “Quando cadono le stelle”.

Non che sia la prima..già da tempo è partito un tour promozionale sempre con la presenza attiva dello scrittore e io non ho mai partecipato. Non sono mai rimasta indifferente alla penna di Serino e ho da poco tra le mie mani “Quando Cadono le Stelle”, quindi sono andata con l’intenzione di apprendere qualcosa del libro da una voce interna. Spero che essa riesca a colpirvi e a farvi muovere verso la più vicina libreria, spronati anche dalle considerazioni su quella serata.

Durante la presentazione--serino1 ph. Giovanni Manzoni PiazzalungaLa sala sotterranea della libreria Utopia durante la presentazione di Quando cadono le stelle, foto di Giovanni Manzoni Piazzalunga.

Volevo qualche stimolo ulteriore alla lettura che accompagnerà il mio prossimo viaggio: spostarsi tra le nuvole e attraverso le parole, nello spazio e nel tempo, lo trovo uno dei più grandi privilegi del mio tempo. Essere trasportati in fretta grazie alla tecnologia, ma poter rallentare al massimo il proprio ritmo interiore per entrare nel mondo di un altro individuo, che magari ha qualcosa in comune con me si, ma è comunque altro da me. Viaggio nel viaggio nel viaggio, possibile per me solo con l’oggetto-libro in carta, toccato e stropicciato, sempre carico e pronto per incontrarsi con la mia immaginazione, presente anche quando diventa vero e proprio sogno. Subito riapribile non appena riapro i miei occhi.

Quando-cadono-le-stelleLa copertina del libro

 

L’amico che mi ha invitato alla libreria Utopia è un artista, ed è facile che Serino conti tra il proprio entorurage persone fuori dal comune; perché questa è l’idea che mi sono fatta dell’autore di “Quando cadono le stelle”, nel bene e nel male.

Ricordo ancora una notte estiva di lavoro nell’atelier di Giovanni, calda e infinita, io a scrivere e lui a disegnare, quando alle quattro del mattino squillò il suo telefono. Era la voce baritonale dello scrittore, pensavo fingesse un timbro così caldo, che chiedeva se avesse avuto voglia di incontrarlo, come se fosse l’ora dell’aperitivo. Io in quel momento ho pensato che ci sono persone che non si danno tregua, persone che vivono ad ogni ora del giorno, persone che cercano sempre qualcosa nel mondo reale o immaginato, persone che scavano sempre nei sentimenti o nelle sensazioni, che inventano storie finzionali che sono sempre vere, perché contengono una parte del loro tempo. Persone come Gian Paolo Serino.

 

serino4Una nave sulla pelle e Gian Paolo Serino, foto di Giovanni Manzoni Piazzalunga

 

Quelle persone hanno il vizio di addentrarsi nelle situazioni dove la maggior parte delle popolazione non ne trova la necessità: se la nostra civiltà dell’immagine ha avuto le proprie stelle brillanti nel firmamento del cinema o della cultura senza macchia alcuna, perchè mai un folletto dispettoso dovrebbe andare ad agganciare quegli astri con le proprie parole per rilanciarle all’indietro nel nostro piccolo inferno?

Per parlare a tutti, esplorando una zona d’ombra che tutti abbiamo. Che siano meccanismi del dolore, potentissimi motori d’azione come spiega Serino, esigenze innate o indotte dall’educazione, tutti nascondiamo una parte di noi. La nostra identità non è completa senza il lato oscuro della nostra forza, e nella vita nulla, ma proprio nulla è gratis. Nemmeno per Picasso, Kafka, Salinger, Cary Grant, Stephen King, Hemingway, Poe, Kennedy.

serino3Un momento doppio della presentazione, foto di Giovanni Manzoni Piazzalunga

 

Serino era ben lieto di parlare ancora una volta al pubblico della sua ultima creazione, all’interno della libreria Utopia, che si trova ad essere una delle poche superstiti all’interno del quartiere di Brera. Il volume è stato introdotto da Carla Tolomeo Vigorelli, scultrice e moglie del critico letterario Giancarlo Vigorelli, sostenitore con lungimiranza di Giampaolo Serino.

Già dall’ingresso sono rapita dal mondo stravagante dell’entourage dello scrittore. Se da vicino nessuno è normale, da vicino qualcuno si sforza per non esserlo. E non sempre è un male, in un mondo spesso chiuso alla possibilità di usare linguaggi diversi per arrivare allo stesso pensiero: soltanto stavolta ho trovato la presenza di Gianni Miraglia un pò sbilanciata nell’insieme della presentazione. Un uomo nudo che legge parti del romanzo “sotto sforzo”, o che costruisce con abilità monologhi su una parola proposta al volo dagli astanti mi diverte per un tempo limitato.

serino2Gian Paolo Serino, Carla Tolomeo Vigorelli e Gianni Miraglia, foto di Giovanni Manzoni Piazzalunga

E’ una parentesi buffa che fa riflettere sulle difficoltà umane, cosa non da poco; sorrido e penso alla fatica del recitare sollevando pacchi di libri per ogni braccio, ma dopo dieci minuti l’esibizionismo senza dubbio creativo non mi dice più molto. Sarà che desideravo ascoltare più a lungo quella voce baritonale. Ringrazio e me la immagino all’inizio della lettura. Buon viaggio

Michela Ongaretti

NB: chi mi ha fatto dono delle foto per questo articolo ha apprezzato maggiormente la performance sotto sforzo!